Gli chef

Chef Pietro

Pietro Baratta

Nonostante le indicazioni genitoriali di iscriversi all’Università, Pietro non è riuscito a trattenere la sua voglia di diventare cuoco professionista.

Così, appena finito il Liceo, si è iscritto all’Accademia del Gusto e da quel momento non ha più smesso di cucinare. Curioso e giramondo, ha esplorato il lontano Oriente alla ricerca di nuovi gusti e nuove combinazioni. Finito il corso di cucina orientale all’Asian Food Training di Siemreap, si è trasferito a Londra, dove ha lavorato per circa due anni come Chef , lavorando al “Fifteen” Restaurant di Jamie Oliver, e diventando Executive Chef al “Cask Pub & Kitchen” di Charlwood Street.

Curioso e creativo, lo si trova spesso, finita la lezione agli ospiti di Spaghetti in Family, rintanato in cucina a sperimentare nuove combinazioni e nuove presentazioni creative, che sembrano sfidare la forza di gravità.

Chef Luca

Luca Severino

Prima ancora di sapere leggere e scrivere, il piccolo Luca era una fabbrica di domande: Perché metti l’aglio senza sbucciarlo? Perché lo zucchero nei pomodori? Perché il brodo fa la schiuma? Crescendo, per fortuna, trovò da solo molte delle risposte alle decine di curiosità e di dubbi che lo attanagliavano sin da piccolo.

Quando, nel lontano 2008, ha varcato per la prima volta la porta di un ristorante per lavorare, la famiglia tutta ha tirato un sospiro di sollievo. Da allora sono passati molti anni e la curiosità di Luca non si è mai sopita.

E’ uno sperimentatore, un perfezionista, e se ne sono accorti anche i londinesi quando se lo sono visto arrivare, questa volta pieno di risposte, nell’inverno del 2011. Nei due anni passati a Londra si è saputo fare apprezzare, diventando tra l’altro Sommelier al “Corrigan’s” Restaurant di Upper Grosvenor, e Chef al “Mayak” Restaurant di Point PleasantWandsworth e all’ “Ida” Restaurant sulla 5th Avenue.

Oggi, è lui che risponde alle domande!

_DSC0392 (Medium)

Gabriele Pallone

La sua passione per la cucina è nata da ragazzino, guardando l’amore che lo zio Roberto metteva nel preparare i pranzi domenicali.

Dai 16 anni inizia a lavorare dietro i fornelli come impegno estivo fino al diploma. Finiti gli studi scolastici si trasferisce a Londra dove trasforma questa sua passione in un lavoro diventando chef dopo una rapida ma tortuosa gavetta.

Si ferma a Londra quasi 3 anni. Lavora tra gli altri al “Dans le noir?” di Clerkenwell Green e al “Percento”Restaurant di Ludgate Hill.

Tornato a Roma riprende gli studi specializzandosi nel mondo dello sport e del benessere.

Oggi è un allenatore professionista, preparatore fisico personale e tutor universitario per le Scienze Motorie.

Espansivo e amichevole, tra un allenamento e l’altro divide la sua passione e la sua esperienza con gli ospiti di Spaghetti in Family, molti dei quali sono diventati suoi amici.

'.